Mendoza, giorno 5

La giornata inizia con uno scherzetto dovuto al cambio di fuso orario rispetto al Cile (avanti di un’ora). Non avendo cambiato l’orario al mio orologio, ero convinto di essermi svegliato per le 8:20 e di tale errore me ne sono reso conto una volta sceso giù al piano terra per fare colazione. Non potendola fare più in ostello, ci siamo quindi recati ad un bar vicino, ordinando un succo di arancia ed una specie di piccolo panino vuoto. Mendoza è una città molto pulita che però non offre molto da vedere contrariamente alle molte attività sportive e non offerte ai suoi visitatori (dal paracadutismo, al rafting, all’ippica, etc). Iniziamo la nostra visita con la Plaza de independencia, cuore storico della città ricostruita dopo il terribile terremoto del 1861, che la rase al suolo, per poi visitare la chiesa di San Francesco situata nelle immediate vicinanze. La piazza, ampia e piena di verde, è caratterizzata dalla fontana che fa zampillare acqua dello stesso colore della bandiera.

 

Purtroppo anche il Museo che vi si trova lì risulta chiuso per manutenzione. Visitiamo quindi l’unico museo aperto che narra della fondazione di Mendoza posizionato dove una volta si trovava il palazzo del governo distrutto dal predetto terremoto. La guida che ci accompagna ci narra della fondazione della città, dello spostamento all’attuale centro dopo il terremoto e dell’arrivo degli immigrati italiani a Mendoza. Dopo la visita, ne approfittiamo per mangiare un pasto economico al mercado central, per poi recarci al terminal Bus cittadino dove prenotiamo l’autobus notturno che in sole 10 ore ci porterà a Cordoba, prossima tappa del viaggio. Il resto del tardo pomeriggio trascorre nel pieno relax. Trascorriamo la sera in compagnia di tre ragazze argentine (una di queste è una cara amica di mia zia Giuseppina) parlando e discutendo di tanti aspetti fondamenti e non dei due paesi, terminando così la giornata nella maniera più conviviale possibile.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.